SMART WASTE SOLUTION: LA SOLUZIONE SMART PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA CHE AIUTA L’AMBIENTE.

blog image

Manca poco più di un mese alla Consumer Electronics Show 2023: la fiera organizzata dall’Associazione di Categoria di settore Consumer Technology Association (CTA) in programma a Las Vegas, negli Stati Uniti, dal 5 all’8 gennaio 2023.
Athlos si presenta a Las Vegas con una Smart Solution: la piattaforma di gestione del sistema di Smart Waste Management, destinata al Comune di Fonni, per la tracciabilità e l’ottimizzazione del ciclo di gestione dei rifiuti dove si combinano insieme strumenti digitali e i sistemi di intelligenza artificiale per una qualità di vita più intelligente ed efficiente.
Il prototipo che presentiamo rientra tra i progetti smart destinati a migliorare la qualità di vita dei cittadini e rendere i servizi per la comunità più sostenibili e con un minor impatto sull’ambiente.
Una raccolta intelligente dei rifiuti è solo il primo step di un più complesso processo di riciclaggio attraverso il quale si prendono materiali usati e si rendono qualcos’altro o si riportano alla condizione di nuovo.
Questo è considerato un processo amico dell’ambiente dal momento che oltre ad evitare la produzione di rifiuti, riduce il consumo di ulteriori materie prime ed energia e riduce l’inquinamento in quanto i rifiuti non vengono inceneriti o seppelliti.
Una buona gestione dei rifiuti può avere un grande impatto ambientale perché lo smaltimento intelligente limita l’inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo e per questo l’Unione europea è impegnata a ridurre l’impatto ambientale e sanitario dei rifiuti e a migliorare l’efficienza delle risorse.
Ogni stato membro dell’UE utilizza differenti metodi di trattamento dei rifiuti e l’Italia è lo Stato UE che ha il tasso di riciclaggio più alto con l’83%. Gli obiettivi sono quindi creare azioni concrete a protezione del pianeta, della salute dell’uomo e dell’ambiente oltre che reimpiegare in modo utile le risorse economiche. Come gestiscono i rifiuti negli Stati Uniti?
La differenza tra USA e Europa nel riciclo è evidente. Se da una parte l’Europa cerca di ridurre i suoi rifiuti e riciclarne la maggior quantità possibile, gli Stati Uniti d’America non lo fanno ma hanno anche uno smaltimento dei rifiuti considerato obsoleto.
L’80% circa dei rifiuti viene mandato in discarica, il restante 20% viene inviato in un termovalorizzatore per poi essere incenerito e convertito in energia. Carta, metallo, vetro e plastica vengono assegnati a impianti di gestione e recupero dei materiali riciclabili della città, impianti specializzati che li separano e smistano. Ma solo il 5% della plastica viene correttamente riciclata (la plastica è il caso limite, ma i ritardi nei metodi di riciclaggio si riscontrano anche in altri settori come la carta e l’alluminio).
Nonostante gli allarmi degli esperti e tutti i discorsi sulla sostenibilità, sul futuro green e sulla necessità di limitare l’inquinamento, i numeri non sono buoni e il Paese è in ritardo. L’Agenzia americana per l’ambiente, l’EPA Environmental Protection Agency, ha pubblicato una Strategia nazionale per il riciclo che punta ad aumentare la percentuale di materiali riciclati e a creare una cornice nazionale per il sistema di gestione. L’obiettivo è portare la percentuale di rifiuti solidi urbani riciclati nel Paese al 50% entro il 2030.
Ecco perché presentare un prodotto come SMART WASTE SOLUTION in un mercato competitivo, complesso e distante come quello statunitense rappresenta una vera e propria sfida per Athlos. Il nostro obiettivo è prepararci al meglio per presentare una soluzione pensata certamente per il mercato italiano ma che possa al tempo stesso diventare un esempio di buona pratica nel complesso processo di raccolta dei rifiuti.